Categoria: elettrica

Renault Twizy con De Sica, Abbagnato e Balzaretti

Renault Twizy con  De Sica  Abbagnato e BalzarettiRENAULT Twizy Limited Edition per De Sica, Abbagnato e Balzaretti

Roma – L’attore Christian De Sica, la stella dell’Opéra di Parigi Eleonora Abbagnato e il difensore della nazionale di calcio Federico Balzaretti: sono tre dei destinatari della limited edition di Renault Twizy realizzata da deArchitettura.com in soli 7 esemplari (che non è l’unica serie speciale).

Le altre 4 verranno destinate ad esponenti del mondo economico e finanziario italiano. I modelli esclusivi del quadriciclo elettrico Renault Twizy hanno interni in pelle, tettino e stripping color bianco perla, tinta carrozzeria specifica color cognac, copri pedali in acciaio, elementi raffinati e ricercati che si completano con luci e fari a led

Scritto da Commenti disabilitati su Renault Twizy con De Sica, Abbagnato e Balzaretti Scritto in elettrica, renault

In Estonia la prima rete mondiale di ricarica elettrica

scame ricarica colonninaL’Estonia ricarica le auto elettriche
Il governo baltico installa 165 stazioni su tutto il territorio nazionale. È la prima rete mondiale di questo tipo. Il pieno si completa in 30 minuti, con prezzi a partire da 2,5 euro
Roma – Nella crociata europea per una significativa riduzione nelle emissioni di biossido di carbonio, l’Estonia è il primo paese del mondo ad aver installato una rete nazionale di stazioni per la ricarica veloce delle auto elettriche. Un totale di 165 centri di rifornimento energetico a non più di 60 chilometri di distanza l’uno dall’altro, per una copertura efficace dell’intero territorio baltico.

Installate dal gruppot ABB, le stazioni di ricarica sono state finanziate dal governo di Tallinn con la vendita alla nipponica Mitsubishi di numerose concessioni statali per l’emissione di CO2 in eccesso. La stessa casa automobilistica del Sol Levante aveva fornito un totale di 500 veicoli elettrici al governo estone, compreso un piano di sussidio per il loro acquisto.

Stando ai numeri snocciolati da Tallinn, i guidatori elettrici potranno ricaricare il 90 per cento della batteria in meno di 30 minuti. Il costo di una singola ricarica presso una delle 165 stazioni della rete nazionale varierà tra i 2,5 e i 5 euro. Agli autisti sarà però concesso un piano in abbonamento che prevederà un esborso mensile di 30 euro per ricariche illimitate su tutto il territorio.
“È ora giunto il momento di premere sull’acceleratore per avanzare nella mobilità elettrica – ha spiegato Jarmo Tuisk, a capo del progetto d’installazione delle stazioni di ricarica – Abbiamo dimostrato che c’è una possibilità concreta di mettere in piedi una rete di centri sul territorio nazionale, che non c’è alcuna barriera tecnologica ad impedirlo”. Al momento in Estonia corrono 619 auto elettriche, di cui 500 sono quelle della flotta statale.

Mauro Vecchio da punto-informatico.it

Scritto da Commenti disabilitati su In Estonia la prima rete mondiale di ricarica elettrica Scritto in elettrica

Enel Renault e il Fast Recharge

enel renault fast rechargeColpo di scena, l’elettrico spicca il volo

Enel e Renault lanciano “Fast Recharge”: il “pieno” si fa in appena 30 minuti. E i lunghi viaggi diventano possibili

“L’auto elettrica spicca il volo”: così Livio Gallo, direttore divisione infrastrutture e Reti Enel, sintetizza la grande novità per l’auto elettrica: il nuovo sistema “Fast Recharge” che rende possibile la ricarica in corrente alternata a 43 kW in 30 minuti. La licenza poetica di Gallo però non è solo bella, ma anche terribilmente realistica: di fatto con questa diabolica colonnina (anzi colonnona perché è più grande delle altre) le elettriche potranno affrontare a cuor leggero anche i lunghi viaggi.

Il sistema di ricarica razzo debutterà con la nuova Renault ZOE, un modello molto interessante: ha un bel design, costa poco (21.650 euro più 79 euro al mese per noleggio batterie e assistenza completa) e offre prestazioni gagliarde visto che vanta oltre 210 km di autonomia (un record). Certo, poi ci dovrebbero essere gli incentivi – che secondo noi non arriveranno mai… – e in questo caso il prezzo scenderebbe fino a 17.330 euro. Vedremo.

In ogni caso una cosa è certa, “l’unione tra elettricità e innovazione tecnologica – come spiegano all’Enel – applicata alla mobilità consentirà un fondamentale vantaggio ambientale grazie all’azzeramento di tutte le emissioni (anidride carbonica, benzene, anidride solforosa, ossidi di azoto e particolato) nelle città e nei

luoghi di utilizzo dei veicoli elettrici”.

Soprattutto se questa mobilità sarà integrata con diversi sistemi di ricarica: standard da 3 kW (nei garage di casa o dove trovate un disgraziato che vi presta una presa), accelerata da 22 Kw (per strada) e rapida a 43 kW (nella apposite stazioni). Ecco l’idea: l’auto elettrica non è più un’auto, ma solo un tassello di un puzzle che l’Enel con grande forza e pervicacia sta realizzando. Non parliamo più di macchina, e nemmeno di macchina e colonnina: qui parliamo di “sistema”. Un sistema ancora non del tutto chiaro a chi critica l’auto elettrica visto che spesso i luoghi comuni hanno la meglio.

Eppure, evitando di giudicare il disegno complessivo da un solo tassello del puzzle si possono scoprire tante cose. Per esempio che quei diavoli dell’Enel hanno ficcato in tutte le infrastrutture un contatore elettronico e una centralina per gestire il tutto da remoto. “Per controllare – spiegano i tecnici di via Regina Margherita – tutte le ricariche e rendere tecnicamente sostenibile lo sviluppo dell’infrastruttura, che deve essere perfettamente integrata nella rete elettrica e componente essenziale delle smart grids: a tutte le infrastrutture si accede con una card personalizzata che consente il riconoscimento del cliente e permette di attivare e interrompere il processo di ricarica”. Facile no?

Ma torniamo un attimo alla Zoe: dietro quel musetto così carino si nasconde un concentrato di tecnologia: qui c’è il sistema Range OptimiZEr per l’ottimizzazione dei consumi energetici e “rubare” fino al 25% di autonomia e un connettore a bordo “auto Chameleon” per ricaricarsi con qualunque livello di potenza, da 3 kW in 9 ore fino a 43 kW in soli 30 minuti. Ma anche un tablet touch screen multimediale R-Link per fare di tutto, e i Servizi MY Z. E. CONNECT per comunicare a distanza sul proprio veicolo come consultare in remoto le informazioni relative alla ricarica o intervenire a distanza sul proprio veicolo per attivare, fermare o programmare la ricarica o programmare il pre-condizionamento dell’abitacolo.

Tutto magnifico, ma mentre il “sistema” elettrico sta per “spiccare finalmente il volo”, per capire a che livello è invece il mondo dell’auto, basti dire che Jacques Bousquet, numero uno di Renault Italia, si è sentito dire da qualche concessionario “Bella la Zoe, ce la date anche col motore della Clio?”. Certe volte la vita del presidente è davvero dura…

vincenzo Borgomeo da repubblica.it

Scritto da Commenti disabilitati su Enel Renault e il Fast Recharge Scritto in elettrica, renault