skoda

Skoda e Volkswagen venti anni insieme


SKODA  20 anni con Volkswagen: quadruplicate le vendite

Verona – Skoda e Volkswagen hanno festeggiato i 20 anni di matrimonio. Con l’ingresso nel Gruppo ha avuto inizio la rapida ascesa del Marchio con la Freccia Alata, oggi Azienda internazionale di successo. Dal 1991, sotto l’egida del Gruppo Volkswagen, la Škoda ha quadruplicato le vendite a livello mondiale, partendo da un unico modello per poi dare vita a una gamma ampia e completa. L’obiettivo per i prossimi anni è quello di rafforzare ulteriormente la posizione del Marchio, incrementando le vendite fino a toccare quota 1,5 milioni di unità entro il 2018. Per raggiungere questo traguardo, la Škoda investirà in maniera massiccia in nuovi prodotti e punterà con decisione su mercati emergenti quali Cina, India e Russia, senza trascurare il mercato ceco e, più in generale, quello europeo. Un bel passo in avanti se si pensa che, all’inizio degli anni ’90, le attività del Brand si svolgevano quasi esclusivamente in Repubblica Ceca e nel Vecchio Continente. Attualmente la Škoda può contare su una esperienza consolidata anche in Paesi extraeuropei ed è presente in oltre 100 mercati nel mondo.


Skoda fornitore ufficiale di Gardaland

auto skoda gardaland

La Škoda si diverte andando a Gardaland

Anche per il 2011 la casa automobilistica sarà protagonista a Gardaland come Partner Ufficiale

Anche quest’anno la Skoda sarà protagonista a Gardaland in qualità di Partner Ufficiale. La Casa automobilistica porterà le proprie vetture all’interno del Parco, e coinvolgerà i visitatori con una serie di iniziative all’insegna dell’allegria.
I visitatori saranno accolti all’ingresso principale dalla MPV Roomster in versione speciale, contraddistinta da una grafica personalizzata e dai colori vivaci. La Fabia, compatta di casa Skoda, sarà invece “immersa” in un’ambientazione marina all’ingresso dell’attrazione Fuga da Atlantide.
La Yeti, poi, si troverà particolarmente bene nel suo habitat naturale: il ghiaccio che fa da cornice all’attrazione Mammuth. Oltre alla vettura, ci sarà spazio anche per la sagoma dell’uomo delle nevi, che gli ospiti di Gardaland potranno utilizzare per scattare una foto ricordo al suo fianco.
Gli Ospiti di Gardaland potranno scoprire l’ultima novità del Parco, ovvero Raptor, le uniche Montagne Russe Alate d’Italia, già testate dal campione mondiale di slittino, Armin Zoeggeler, e i meno temerari potranno vivere fantastiche emozioni anche su tutte le altre attrazioni del Parco, che propone sempre una speciale combinazione di avventura, adrenalina e fantasia.
da Italpress


Skoda Rally team Italia ingaggia Andreas Mikkelsen

Andreas Mikkelsen

Škoda Rally Team Italia ha ingaggiato il giovane norvegese (21 anni) Andreas Mikkelsen. A lui, il compito di difendere i colori della Casa ceca nel Trofeo Rally Terra 2011. Con la firma di Mikkelsen, il team cui Škoda Italia ha affidato la gestione delle attività sportive si è senza dubbio assicurato uno dei più promettenti giovani dell’intero panorama rallistico internazionale. Nel suo curriculum si legge che ha debuttato nel 2006 (all’età di 17 anni) nel Rally del Galles e, quindi, nonostante i suoi soli 21 anni, oggi ha già maturato un’ampia esperienza ai piani alti del rallismo internazionale. Andreas è il più giovane pilota ad avere vinto un Rally nazionale inglese (Quinton Stages Rally 2006), ad avere conquistato punti del campionato WRC (Rally di Svezia 2008) e ad essere risultato il più veloce in una prova speciale di un rally WRC (Rally di Germania 2008).

Proprio grazie al suo interessante profilo, il pilota scandinavo ha convinto anche Škoda UK Motorsport ad affidargli il ruolo di pilota ufficiale nell’IRC 2011, per cui all’attività italiana alternerà quella internazionale con il team inglese. Affiancato da Ola Fløene, esperto navigatore norvegese di 42 anni che lo accompagna fin dagli inizi, Mikkelsen porterà in gara la versione più evoluta della Fabia S2000. Il via del Trofeo Rally Terra è fissato per il prossimo 1 aprile con il Rally dell’Adriatico. A seguire ci saranno il Rally della Costa Smeralda (Olbia, 5-7 maggio), il Rally di San Marino (Repubblica di San Marino, 1 e 2 luglio), il Rally di San Crispino (Rimini, 14-16 luglio), il Rally di Azzano (Azzano Decimo – Pordenone, 30 settembre-1 ottobre) e il Rally Conca d’Ora (Palermo, 28 e 29 ottobre).


Skoda Vision D


La VisionD uno squarcio sulla visione stilistica della Skoda del futuro

VisionD, il futuro linguaggio stilistico del Marchio Skoda

Con la VisionD, la Casa di Mladá Boleslav presenta, in occasione del Salone dell’Auto di Ginevra, il futuro linguaggio stilistico del Marchio. Gli obiettivi della ŠKODA, parte del Gruppo Volkswagen, prevedono lo sviluppo di un nuovo orientamento in grado di riallacciarsi alla tradizione ultracentenaria dell’Azienda, sottolineandola attraverso soluzioni stilistiche moderne e con tecnologie all’avanguardia. La VisionD anticipa il nuovo corso, esaltando la precisione delle forme e la cura per i dettagli.

La VisionD presenta tutti gli elementi stilistici che caratterizzano i modelli di successo della Marca – come il passo lungo e gli sbalzi ridotti – mostrando al contempo anche un’anticipazione del futuro orientamento stilistico della Casa ceca. Il risultato è una notevole offerta di spazio e comfort all’interno dell’abitacolo e un’immagine dinamica e agile, anche grazie alla linea del tetto.

La struttura del portellone, invece, conferma la funzionalità tipica delle ŠKODA. La grande praticità di utilizzo della vettura nella vita di tutti i giorni e le molteplici possibilità di configurazione dell’abitacolo interpretano al meglio i valori classici del Marchio, in questo caso rielaborati in una forma più moderna. La calandra è caratterizzata da un’alternanza di elementi lucidi e opachi, che sottolineano lo stile ricercato di questo prototipo.
Segni evidenti: il nuovo logo e gruppi ottici ridisegnati
Il nuovo logo spicca al centro e rappresenta il punto di partenza per tutte le linee della vettura. Il logo interrompe la linea orizzontale del cofano, attirando l’attenzione per la sua importanza: un sinonimo di qualità e successo. I gruppi ottici rielaborati regalano alla VisionD un frontale dall’aspetto sobrio ma allo stesso tempo emozionale. Le luci posteriori a “C” sono ormai un segno distintivo inconfondibile per ogni vettura con il Marchio della Freccia Alata. Anche osservando i gruppi ottici si avverte la grande attenzione per i piccoli dettagli.
Una silhouette dinamica
La silhouette sportiva e al contempo elegante di questo prototipo è il risultato di un “gioco” di luci e ombre ottenuto grazie a una linea caratteristica pronunciata che esalta le proporzioni armoniose della vettura. Anche le linee laterali sono una testimonianza di equilibrio perfetto. La VisionD esprime elevati standard di design. Sopra al paraurti posteriore, delle sottili scanalature collegano i gruppi ottici posteriori al porta-targa.
Gli interni: una raffinata selezione di materiali e cristalli
La nitidezza e la precisione che caratterizzano tutti gli elementi della carrozzeria si ritrovano anche nell’abitacolo della VisionD. I valori tipici della Marca, come l’elevata spaziosità e la grande funzionalità, si realizzano attraverso una proporzione molto delicata, grazie a un’accurata selezione di materiali e alle forme eleganti. Un’ulteriore novità è rappresentata dall’utilizzo del cristallo: un omaggio alle tradizioni e alla cultura della Repubblica Ceca, patria della ŠKODA. La VisionD segna una svolta verso il futuro per la Marca. L’immagine dinamica della vettura stimola la fantasia dell’osservatore e lo indirizza verso il nuovo corso della Casa di Mladá Boleslav. Proprio in Repubblica Ceca, designer e ingegneri stanno tracciando la nuova via. Questo è il miglior presupposto per raggiungere gli obiettivi futuri: crescere grazie a prodotti dal design piacevole e innovativo, mantenendo tutte le qualità vincenti che contraddistinguono la ŠKODA.


Il nuovo logo della Skoda


Nuovo marchio per la casa Ceca controllata dalla Volkswagen

Nuovo logo per la Skoda, fresco e incisivo

La ŠKODA porta a Ginevra la sua nuova immagine: un’evoluzione importante nella storia della Casa ceca. Una delle principali modifiche riguarda la Freccia Alata, simbolo storico utilizzato già a partire dagli anni ’20, che ora ha un ruolo ancora più centrale. Nel nuovo logo per la comunicazione, la Freccia Alata è più grande e più visibile, e per il colore si è passati dal “Verde Natura” fin qui utilizzato a un più fresco “ŠKODA Green” (Pantone 362). I bordi dell’ala sono impreziositi dalla presenza di dettagli cromati.

Anche l’anello che circonda la Freccia Alata è stato reinterpretato in chiave moderna: ora è filigranato e adotta un look cromato, che sostituisce il tradizionale nero. La distanza dalla Freccia Alata è stata considerevolmente aumentata, in modo da alleggerire il logo rendendolo più ampio. La scritta “ŠKODA AUTO” non è più inserita all’interno dell’anello. La parola “ŠKODA” è ora chiaramente visibile al centro, sopra alla Freccia Alata. Grazie ai nuovi colori, alle nuove proporzioni e alla nuova disposizione degli elementi, il logo porta una ventata di freschezza.

Nuovi colori e un nuovo font
Un altro elemento importante per la nuova immagine è il font “ŠKODA PRO”, sviluppato appositamente dalla ditta “Moda Italic”. Il nuovo font, privo di fronzoli, è essenziale e si distingue quindi per lo stile chiaro e preciso. Anche i colori del nuovo Corporate Design sono stati modificati: il nuovo verde della ŠKODA è il Pantone 362, un colore disponibile a livello internazionale in tutti i sistemi cromatici come colore standard, che trasmette una sensazione di freschezza e simpatia. La nuova gamma colori della Casa ceca comprende 5 tonalità: “ŠKODA Green”, “ŠKODA White”, “ŠKODA Black” più i due colori secondari “Pantone Cool Grey” e “Pantone Warm Grey”.


Robert Kubica video incidente 3D ricostruito


L’INCIDENTE CHOC DI KUBICA
RICOSTRUITO IN 3D -GUARDA

Incidente di Robert Kubica in 3d

VARSAVIA – Il terribile incidente di Robert Kubica è stato ricostruito in 3d dalla tv polacca Tvn4. Dal punto di vista tecnico la ricostruzione è molto significativa, la sequenza inizia dalla camera car della vettura di Mauro Moreno, per poi passare in versione tridimensionale. Il filmato rivela come Kubica perda il controllo della sua Skoda Fabia: sbanda e impatta il retrotreno contro il guard rail, che piegandosi entra nell’abitacolo sul lato guida. Sarà proprio il guard rail a provocare le numerose ferite al pilota polacco, mentre il navigatore Jacub Gerber uscirà praticamente illeso dall’automobile. Tuttavia nella ricostruzione manca il particolare determinante per cui un’autorità giudiziaria ha deciso di aprire un’inchiesta. Ovvero il fatto che nel punto dove è avvenuto l’impatto il guard rail fosse interrotto e non fosse un pezzo unico. In quel caso probabilmente la macchina avrebbe proseguito la sua corsa senza subire quei danni.

da leggo.it


Back To Top