tesla

Tesla Elon Musk contro la moglie Justine


elone justine muskPotrebbe sembrare la battaglia dei Roses , vale a dire la causa di divorzio che contrappone Elon Musk  fondatore della Tesla Motors , ma prima coofondatore di PayPal alla moglie Justine Musk scrittrice di fantascienza.

La moglie ha deciso di mettere in un blog personale tutta la vicenda e tutti i resoconti finanziari del divorzio , comprese le richiesta avanzate.
La Musk col blog vuole dimostrare di non essere una moglie a caccia di soldi ma una persona devota che ha passato 8 anni con Elon a cui a dato sei figli di cui uno morto .  E che per questo chiede poco considerando che vede il marito come uno degli uomini più ricchi del pianeta almeno a livello potenziale.

Le richieste della moglie sono : alimenti per i figli, la casa , 6 milioni di dollari, il 10 % azioni Tesla , il 5% delle azioni SpaceX e una Tesla Roadster.

Il marito risponde piangendo miseria in quanto il suo patrimonio di 1,2 miliardi di dollari ottenuto dalla vendita di PayPal sarebbe stato investito in tre società: la Tesla, la SpaceX e la SolarCity.

Le società non hanno ancora restituito niente a lui nel ruolo di investitore. Infatti lui denuncia entrate per 8255 dollari , dovuti probabilmente allo stipendio di Ceo di due di queste creature, mentre denuncia spese mensili pari a 200 mila dollari .
In questo momento sarebbe sotto di 600 mila dollari e tirerebbe avanti solo grazie a prestiti.


Accordo Toyota Tesla


tesla-s-2Intesa Toyota-Tesla per produrre elettriche in California

Si inizierà nel 2012 con la berlina Model S
I Presidenti Akio Toyoda ed Elon Musk hanno siglato un’importante intesa che porterà Toyota e Tesla a produrre veicoli ad emissioni zero nello stabilimento californiano di Freemont, oltre a realizzarvi componenti e dispositivi di ingegneria di supporto. La fabbrica è stata per 25 anni sede di un’attività produttiva congiunta tra la stessa Toyota e General Motors (si chiamava Nummi). Il precipitare della situazione economica (con conseguente bancarotta assistita) aveva indotto GM ad abbandonare il progetto e Toyota non se l’era più sentita di proseguire da sola dichiarando di fatto fallito l’impianto. I circa 1.000 lavoratori di Freemont possono ora esultare per aver scongiurato il rischio sempre più concreto di licenziamento. Sarà infatti Tesla ad acquistare i diritti dello stabilimento spendendo centinaia di migliaia di dollari per riorganizzare il sito e adeguarlo all’assemblaggio delle elettriche sportive. Dal canto suo, Toyota investirà 50 milioni di dollari nella società californiana in cambio (si ipotizza) di una quota azionaria del 2,5%.

La prima vettura ad essere costruita a Freemont sarà la Tesla Model S, berlina elettrica attesa per il 2012 e che per un certo periodo si affiancherà nella gamma Tesla alla Roadster (assemblata in Gran Bretagna negli impianti Lotus). Model S sarà prodotta in circa 20 mila esemplari l’anno, ma Musk ha già anticipato che Freemont ospiterà in seguito altre vetture realizzate sulla piattaforma della Model S. L’accordo con Tesla rappresenta una svolta importante per Toyota che fino ad oggi aveva manifestato scarso interesse per il business delle elettriche, tutta concentrata com’è stata nello sviluppo delle ibride. Secondo Musk, infine, il nuovo progetto di Freemont garantirà 10 mila nuovi posti di lavoro nell’indotto.

da lastampa.it via autolink


Tesla un modello stile suv compatto


La Tesla il costruttore californiano sta per introdurre sul mercato il suo terzo modello , e sarà un Cross over.
Già sappiamo che la corrente Roadster sarà affiancata da la Model S una versione berlina , già nel 2012.

Guardiamo il video di presentazione , ricordando che la Tesla ha un accordo di fornitura di servizi nell’ambito della propulsione elettrica , con la Mercedes.

Daimler che possiede quote della Tesla di Palo Alto.


Terzo modello per Tesla


tesla-s-9Tesla sta sviluppando un terzo modello

Dopo la Roadster e la Model S elettriche
Già soddisfatta dei dati di vendita della Roadster elettrica, Tesla Motors sta completando lo sviluppo del suo secondo modello. La berlina di lusso Model S (foto) sarà commercializzata nel 2011 a circa 50 mila dollari, praticamente la metà della Roadster. Model S è realizzata su una piattaforma flessibile nel sud della California con un target produttivo di 20 mila esemplari l’anno (10 mila in più se la richiesta sarà elevata). Ma il costruttore californiano nato nella Silicon Valley sta già pianificando lo sviluppo di una terza vettura, questa volta destinata ad una produzione di massa. Per il momento identificata come Model X, l’auto dovrebbe essere lanciata nel 2013 a circa 30 mila dollari e con un obiettivo di oltre 100 mila esemplari assemblati l’anno.

da lastampa.it


Tesla S


tesla-s-1La Tesla sforna una serie di foto del suo modello S durante i test in America, le foto la vedono impegnata mentre inanella giri in un circuito con il progettista Franz von Holzhausen .
La Tesla ha già ricevuto più di 1000 ordini per la sua sette posti elettrica che sarà in vendita nel 2011.
La Tesla S ha una autonomia di tre ore ed è capace di fare da 0 a 100 orari in 5,6 secondi, la velocità massima è bloccata a 200 orari.
Il costo si aggira sui 45mila euro


Daimler compra il 10 % di Tesla


tesla-s-4Daimler con una mossa a sorpresa ha deciso di comprare una quota del marchio americano Tesla . La strategia che sottende questa decisione vede in pole position iltrasferimento di tecnologia elettrica per implementarla nella Smart, ( batterie e sistema di ricarica ).

In una ottica di largo respiro, l’accesso alla tecnologia Tesla permetterà alla Daimler Mercedes di recuperare rapidamente il gap elettrico che la Daimler aveva accumulato ( si pensi che l’ibrido è in realtà uno sviluppo di General Motors ).

Oltre alla Smart la opzione elettrica dovrebbe venire estesa a tutta la classe A Mercedes già dal prossimo anno.

Da parte sua anche Tesla ha dei vantaggi potendo usufruire della tecnologia Daimler anche nelle batterie ad ioni litio. Soprattutto in prospettiva dello sviluppo del Modello S.


2 of 3123
Back To Top