ultime notizie

Volkswagen eco up! all’H2Roma 2012


La eco up! all’H2Roma 2012
La prevendita della versione a metano della up! inizierà il prossimo mese di dicembre.

H2Roma vede la presenza anche di Volkswagen, che per la prima volta in Italia espone la eco up! in versione definitiva. Si tratta della city car Volkswagen alimentata a metano, che grazie all’utilizzo di questo carburante e al pacchetto BlueMotion Technology – compreso nell’allestimento di base, include, il sistema start/stop e il dispositivo di recupero dell’energia -, la up! coglie un risultato eclatante per quanto riguarda la riduzione della CO2, con emissioni di 79 g/km. I consumi di carburante dichiarati sono nel ciclo combinato di 2,9 kg di metano ogni 100 chilometro.

Il motore della eco up! è il tre cilindri 1.0 della serie EA211 di nuova concezione, ovviamente modificato per tollerare l’alimentazione a gas naturale. Questo propulsore raggiunge i 68 CV a 6.200 giri e sviluppa 90 Nm di coppia massima tra 3.000 e 4.300 giri; le prestazioni: da 0 a 100 km/h in 15,8 secondi, con velocità massima di 168 km/h.

Il metano è contenuto in due serbatoi in grado di contenere fino a 11 kg di gas (72 litri) e sono montati sotto il pianale, all’altezza dell’asse posteriore. Il serbatoio numero 1 è appena davanti all’asse, insieme a un piccolo serbatoio da 10 litri di benzina, mentre il secondo serbatoio è posto nel vano abitualmente destinato alla ruota di scorta. La capacità del bagagliaio è invariata rispetto ai modelli alimentati a benzina o a gasolio.

La up! è in vendita in Italia con motore 1.0 litri da 60 o 75 cavalli, cambio a cinque rapporti manuale o robotizzato, carrozzeria a tre o cinque porte e in tre livelli di allestimento: take up!, move up! e high up!. La prevendita della eco up! inizierà il prossimo mese.

da tiscali.it


Il debutto della Golf VII


Il giorno della Golf. Vw lancia la bestseller
Maxi porte aperte per il debutto della settima generazione della Volkswagen più attesa

Dopo il lancio mondiale al Salone dell’Automobile di Parigi, la nuova Golf sarà protagonista in tutte le concessionarie italiane con due weekend porte aperte consecutivi: ieri e oggi e il 17-18 novembre tutti i clienti avranno così la possibilità di conoscere dal vivo la settima generazione della bestseller Volkswagen. Accolta con grande favore da esperti del settore e non, si basa sulla rivoluzionaria piattaforma modulare trasversale MQB che ha reso possibile l’adozione di numerose innovazioni tecnologiche. Tra le altre, ci sono gli avanzati sistemi di produzione che hanno portato a una riduzione del peso della vettura fino a 100 kg, ottenuta senza dover rinunciare a sicurezza, comfort, e dimensioni maggiori con conseguente migliore abitabilità.

La Golf è infatti più lunga di 56 mm (per un totale di 4.255 mm) e ha un passo aumentato di 59 mm (2.637 mm), il che ha consentito di definire un abitacolo significativamente più ampio, che garantisce maggiore spazio ai passeggeri, specie i posteriori, e una capacità del bagagliaio di 380 litri (30 litri in più). Se il contenimento del peso non ha condizionato l’aumento delle dimensioni e dello spazio interno, è stato invece decisivo per l’abbattimento dei consumi che risultano inferiori fino a un massimo del 23% rispetto al modello precedente. In questo senso hanno un ruolo importante anche i motori, ampiamente ridefiniti e tutti dotati di start/stop cui si aggiunge il sistema di recupero dell’energia in frenata.

La Golf VII è disponibile con motori benzina sovralimentati nelle varianti 1.2. TSI 105 CV e 1.4 TSI 122 e 140 CV, mentre l’offerta di propulsori Diesel comprende l’estremamente efficiente 1.6 TDI 105 CV, che vanta un consumo nel ciclo combinato di soli 3,8 l/100 km e il performante 2.0 TDI 150 CV. Per i due 1.4 TSI e per i due Turbodiesel TDI è disponibile anche il cambio automatico a doppia frizione DSG. La nuova Golf è dotata di serie, fin dall’allestimento di accesso Trendline, dei migliori sistemi di sicurezza e di assistenza alla guida che ne fanno l’auto più ricca di contenuti della categoria.

Tra tutti spiccano il sistema di frenata anti collisione multipla, il dispositivo di rilevazione della stanchezza Fatigue Detection, sette airbag, il controllo elettronico della stabilizzazione ESC, l’ABS e il differenziale autobloccante XDS. Tutte le Golf sono dotate di autoradio con schermo touchscreen, presa multimediale aux-in e slot per memory card SD. Nonostante la ricchezza delle dotazioni e i motori più potenti ed efficienti, la nuova Golf ha mantenuto un prezzo in linea con la versione precedente: il listino parte da 17.800 Euro per la 1.2 TSI 105 CV Trendline.

da repubblica.it


Toyota interessata alla Aston Martin in vendita


Aston Martin in vendita. Toyota interessata
Investment Dar sarebbe intenzionata a cedere il suo 64%

di Graziella Marino  

In un prossimo futuro l’auto di James Bond, l’agente segreto 007 piu’ famoso al mondo, potrebbe parlare giapponese. La Toyota, infatti, sarebbe tra i potenziali acquirenti a cui l’azionista di maggioranza dell’Aston Martin, la kuwaitiana Investment Dar Co, avrebbe proposto la cessione della propria quota del 64%. Lo riporta Automotive News che cita Bloomberg e rivela come la societa’ kuwaitiana avrebbe dato incarico alla Rothschild di verificare l’esistenza di soggetti interessati all’acquisizione. Da parte sua, invece, la Toyota avrebbe assunto un advisor per verificare le opportunita’ di acquisto. L’analisi preliminare della casa nipponica dovrebbe concludersi in una settimana e comunque farebbe seguito ad una prima valutazione generale commissionata da Toyota due mesi fa.

Secondo una delle persone informate dei fatti, che ha chiesto pero’ di non essere citata, tra i potenziali acquirenti interessati all’Aston Martin ci sarebbe anche il costruttore indiano Mahindra. La trattativa per la vendita di Aston Martin sarebbe pero’ rallentata dalla richiesta da parte della Investment Dar Co di ottenere in cambio lo stesso prezzo di circa 800 milioni di dollari pagato per l’acquisizione del marchio britannico dalla Ford cinque anni fa. Richiesta che pero’ non sarebbe stata accolta dai potenziali acquirenti. Interpellata sulla vicenda, il direttore della comunicazione di Aston Martin Janet Green ha negato che la Investment Dar stia cercando di vendere il marchio britannico.

La Investment Dar – riporta l’articolo – avrebbe buone ragioni per vendere l’Aston Martin, visto che nello scorso febbraio ha rinegoziato un debito di 4,9 miliardi di dollari, dopo aver ”saltato” il pagamento di un bond Islamico nel maggio del 2009. Questa operazione di ristrutturazione era stata realizzata in base alla legge di stabilita’ finanziaria del Kuwait, emanata dal Governo nel mese di aprile 2009 per sostenere le istituzioni finanziarie colpite dalla crisi del credito.

La Investment Dar and Adeem Investment Co era divenuta proprietaria della Aston Martin cinque anni fa, pagandola 805 milioni di dollari alla Ford, che ne era proprietaria dal 1987. Dopo la cessione, l’Aston Martin utilizza ancora i motori Ford ma non ha piu’ accesso alle altre risorse della casa americana, rimanendo quindi l’unico brand di lusso globale a non essere parte di un grande gruppo automobilistico. Una indipendenza che le impedisce di essere competitiva, non potendo condividere i costi di sviluppo con altri marchi e modelli all’interno di un gruppo. Proprio a questo proposito pochi giorni fa e’ uscita la notizia di una trattativa in corso tra Aston Martin e Lotus per valutare la possibilita’ di una cooperazione per condividere i costi di sviluppo.

da ansa.it


Seat Ibiza Cupra


Seat, la versione sportiva Cupra completa la gamma Ibiza
Motore turbo benzina da 180 Cv, velocita’ massima 228 km/h

La gamma della Seat Ibiza si arricchira’ nel febbraio 2013 della nuova versione Cupra che, com’e’ nella tradizione di questa denominazione, si collochera’ al top del segmento per sportivita’ e prestazioni. Pur restando un’auto adatta all’uso quotidiano, Ibiza Cupra vanta caratteristiche che la Casa spagnola del Gruppo Volkswagen defnisce ”sorprendenti” in quanto puo’ accelerare da 0 a 100 km/h in soli 6,9 secondi e raggiungere – in assenza di limiti – una velocita’ massima e’ di 228 km/h, il tutto con un consumo medio di soli 5,9 litri per 100 km. Il motore turbo benzina da 180 Cv, il cambio DSG con doppia frizione a 7 rapporti e il differenziale elettronico XDS – che si aggiungono a numerose soluzioni tecnologiche all’avanguardia, come l’attuatore acustico, unico nel suo genere, che e’ inserito nell’impianto di scarico e consente di modificare il rumore del motore – permetteranno alla nuova Ibiza Cupra di scrivere un nuovo capitolo nella storia di questo modello presentato la prima volta nel 1997.

La potenza (180 Cv) e la coppia massima (250 Nm) dell’innovativo 1.4 TSI a iniezione diretta sovralimentato con turbocompressore e compressore meccanico assicurano prestazioni decisamente superiori, mentre il cambio DSG a 7 rapporti garantisce una velocita’ di innesto sorprendente per un’auto di questo segmento. Il passaggio delle marce puo’, tra l’altro, essere azionato anche tramite i comandi al volante.

L’assetto della nuova Ibiza Cupra, che monta di serie cerchi da 17 pollici, e’ stato ribassato e tarato per garantire massima agilita’ e precisione. In alternativa all’impianto frenante di serie a elevate prestazioni viene offerto anche quello, decisamente corsaiolo, della AP Racing. Il differenziale elettronico XDS – si legge nella nota della Seat – riduce la tendenza al sottosterzo, aumentando la maneggevolezza della vettura, specialmente quando si affrontano tratti in curva a velocita’ elevata. Il programma elettronico di controllo della stabilizzazione ESP, che comprende anche il sistema di assistenza per le partenze in salita, fa parte del pacchetto sicurezza incluso di serie sulla Ibiza Cupra. ”Accelerazione immediata e potente, grande maneggevolezza, ottime doti di trazione e un impianto frenante efficiente – afferma Matthias Rabe, vicepresidente per ricerca e sviluppo della Seat – regalano il piacere di guida che contraddistingue il nome Cupra, facendo di questo modello un esempio perfetto di come la Seat utilizzi le tecnologie piu’ avanzate del Gruppo Volkswagen per creare vetture uniche ed efficienti sotto ogni punto di vista”.

Anche dal punto di vista del design Ibiza Cupra evidenzia il suo carattere di compatta sportiva. Il nuovo frontale, con l’ampia griglia e le imponenti prese d’aria, mette in risalto la potenza di questo modello. I fari bi-xeno sono di serie come le luci diurne con tecnologia Led e quelle di svolta integrate nei fendinebbia. Linee precise modellano la fiancata e gli esclusivi cerchi da 17” ne valorizzano il carattere sportivo. In coda spiccano il diffusore nero opaco e il terminale di scarico trapezoidale. All’interno Ibiza Cupra si distingue invece per il nuovo volante sportivo con i comandi del cambio DSG e per i sedili sportivi con rivestimento in pelle bicolore disponibile a richiesta. Completamente nuovo anche il sistema di infotainment con audio ad elevate prestazioni che puo’ essere potenziato con l’innovativo Sistema Portatile Seat con schermo touchscreen da 5 pollici che, in caso di necessita’, e’ rimovibile e disponibile per un utilizzo indipendente.

da ansa.it


H2Roma 2012


Al via l’11° H2Roma: energia e mobilità ad una svolta
Da oggi a sabato prove su strada, tavole rotonde ed esposizione delle auto ecologiche attuali e del domani

Prove su strada, esposizioni di vetture di oggi e del futuro a zero o a basse emissioni di CO2, tavole rotonde, consessi scientifici, incontri con le scuole e dibattiti con ricercatori e tecnici. Parte oggi, e durerà fino a sabato al Salone delle Fontane dell’Eur, l’undicesima edizione di H2Roma energy&mobility show, manifestazione che mette a confronto il pubblico, la stampa, l’industria e la ricerca sia pubblica che privata sul tema della mobilità sostenibile.

Dopo le prime due giornate di lavoro, sabato 10 i dirigenti delle Case automobilistiche presenti all’evento saranno a disposizione del pubblico per illustrare le più importanti novità nel settore. Promossa dal Cirps della Sapienza, dall’Itae Cnr e dall’Enea, la rassegna romana ha già ottenuto l’Adesione e la Medaglia del Presidente della Repubblica (quarto anno consecutivo) e il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco. Il tema di questa 11esima edizione è “Motori fuel neutral e fonti rinnovabili: energia e mobilità ad una svolta”, all’insegna del messaggio “Il futuro che vogliamo”.

Ma vediamo insieme i principali modelli “ecologici” presenti ad H2Roma, in rigoroso ordine alfabetico dei costruttori. BMW ha scelto di presentare il programma BMW-i Appgames rivolto agli studenti universitari di discipline scientifiche, Bosch esordirà alla manifestazione con le sue avanzate tecnologie abbinate a sicurezza e rispetto ambientale, Citroën esporrà la versione diesel 2.0 ibrida plug-in di DS5, la DS5 ibrida e l’elettrica C-Zero, Enel illustrerà la nuova stazione di ricarica compatta da 43 kW (soli 30 minuti per ricaricare fino all’80% le batterie), Fiat lancerà in anteprima nazionale la nuova Panda a metano e il pacchetto Fiat likes U di proposte innovative per gli universitari.

E ancora. GM Powertrain porterà il motore biturbo diesel 2.0 a basse emissioni grazie al suo centro ricerche motori di Torino, Mercedes esporrà in prima italiana la Classe E BlueTec Hybrid, così come farà la sua prima apparizione pubblica nel nostro Paese la concept Nissan TeRRA (in prova Qashqai GPL e Leaf), mentre Peugeot farà ammirare e provare la versatile 3008 Hybrid4 e la 508 RXH e Renault riproporrà la piccola elettrica Twizy.

Ci saranno anche Smart con l’ultima versione della sua ForTwo Electric Drive, Gruppo Toyota con Prius ibrida plug-in, Yaris Hybrid e Lexus CT 200h, Volkswagen con la up! a metano ormai pronta a conquistare il mercato e Volvo con la V60 plug-in (ora in prova dopo l’anteprima 2011, ha due motori elettrici) e con la compatta V40 1.6 TD da 94 g/km di CO2.

da lastampa.it


EnelFast recharge colonnina per ricaricare l’auto


Da Enel la colonnina che ricarica l’auto in mezz’ora
Soluzione innovativa con stazione di 43Kw

Prendere un caffe’ al bar mentre la propria auto si ricarica. Da oggi e’ realta grazie alla super colonnina EnelFast recharge, presentata in anteprima assoluta all’H2Roma. Questa stazione infatti puo’ fornire in circa mezz’ora l’80% di ricarica ad un’auto elettrica offrendo una soluzione veloce ed economica, facilmente integrabili nelle soluzioni Smart Grids che Enel Distribuzione sta sviluppando per rendere piu’ efficienti le reti elettriche e ottimizzare l’integrazione di energia prodotta da fonti rinnovabili.

Rispetto alle soluzioni finora installate da Enel, che consentono la ricarica completa di un’auto in circa 6 ore con la home station (a 3kW) e in circa un’ora presso i punti di ricarica pubblici (a 22kW), la stazione presentata a H2Roma consente la ricarica in meno di mezz’ora (a 43 kW).

La nuova infrastruttura e’ stata presentata questa mattina da Federico Caleno, responsabile Progetti speciali e sviluppo tecnologico di Enel Distribuzione, che ne ha illustrato le caratteristiche tecniche e le prestazioni innovative.

La ricarica veloce a 43 kW in corrente alternata dispone di una alimentazione trifase 400 Vac, 50 Hz e consente una potenza massima erogabile di 43 kW: corrente massima erogabile a 63 A.

La connessionedel veicolo elettrico alla rete di alimentazione in corrente alternata avviene attraverso un cavo di alimentazione e un connettore mobile permanentemente fissati alla stazione. L’accesso allaricarica avviene solo a seguito di identificazione del cliente mediante RFID Card mentre un modem GPRS consente la comunicazione con il Centro di Controllo EMM per abilitazione alle funzionalita’ Smart Grid. Inoltre il Centro di Controllo Enel acquisisce i dati dei consumi necessari a quantificare economicamente l’ammontare da addebitare in bolletta al cliente registrato.

da ansa.it


Back To Top